Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it L'amore e' l'unica cosa reale della vita; tutto il resto e' illusione. Se coltivate l'amore dentro di voi, Dio sboccera' spontaneamente. Se mancherete l'amore, allora macherete Dio e ogni cosa. - Osho

Numeri e nomi, pure coincidenze, casualità, ordine divina o legge d’attrazione?

Oggi 31 ottobre 2012 vi racconto una storia vera. Ho letto una frase trovata tempo fa su un commento in Facebook e ho deciso di fare questo post. Ecco la frase:

"Non parlare per niente di sé, è una ipocrisia molto raffinata..."Maurizio Asero

...ANNA
Una mamma di nome GABRIELA mentre era incinta decide di chiamare sua la piccola  ANNA. Santa Anna è la protettrice delle donne incinte, la scelta del nome ANNA è stata fatta in base al nome della sua nonna e bisnonna materna, senza sapere questo particolare della santa, la gravidanza è stata molto bella e serena.

...il 31
CRISTIANOGABRIELA sono stati sposi il 31 ottobre 2004 

ANNA nasce il 31 ottobre 2010


La dottoressa che ha seguito la gravidanza è di turno per “puro caso” e fa il parto,  ha 31 anni d’esperienza nel campo...

Le ostetriche che assistono il parto si chiamano ANNA GABRIELLA e CRISTINA...

...e ancora coincidenza perché la data del battesimo viene spostata per causa varicella dunque il battesimo si fa nel giorno 27 febbraio 2011 quando guarda caso si festeggia...SAN GABRIELE

"Spesso la curiosità non è che vanità; si vuole sapere per poterne parlare; diversamente non si viaggerebbe certo sul mare per non dirne mai nulla e per il solo piacere di vedere, senza speranza di riferirne mai a qualcuno."- Blaise Pascal

"Non c'è nulla più dell'onesta pretesa di mantenere distinto nella propria vità ciò che è pubblico da ciò che è privato, che ecciti l'interesse indiscreto delle piccole società perbene."- Giorgio Bassani

La gente mi chiede: Chi sei tu? Sei una fiamma, hai trovato la tua anima gemella? Le persone con doti di chiaroveggenza, i sensitivi capiscono dall’energia sottile chi hanno davanti. Per queste persone la risposta è facile, loro percepiscono dal mio viso che tipo di anima sono. Per tutti gli altri ecco la mia risposta: sono un anima eterna, uno spirito libero, credo in DIO e nella reincarnazione e sono consapevole di certe leggi universali come il libero arbitrio, la legge del karma ovvero la legge di causa ed effetto, la legge di attrazione, la multidimensionalità ecc. In questa vita ho scelto di nascere e vivere fino all’età di 25 anni in ROMANIA. Mio padre Mihai Balaj, per gli italiani Michele, mi ha dato il nome di GABRIELA BALAJ, nonostante alcuni parenti di mia madre Anna volevano chiamarmi Mihaela=Michela, tutt’oggi ho una zia che mi chiama Mihaela.
Credo fortemente che il nome racconta molto su chi siamo...
GABRIELA è la forma femminile del nome Gabriele, che deriva dall'ebraico גַבְרִיאֵל (Gavri'el) e il cui significato è "uomo forte di Dio". Da notare che il femminile di Gabriele è Gabriela, mentre Gabriella è il femminile della sua variante Gabriello. Gabriele un nome di tradizione biblica, portato da uno degli arcangeli, egli è presente sia nell'Antico Testamento dove appare a Daniele, che nel Nuovo Testamento, nel quale annuncia la nascita di Giovanni e Gesù rispettivamente a Zaccaria e Maria; è presente anche nella tradizione islamica, dove è colui che detta il Corano a Maometto.
E’ molto interessante analizzare anche l’origine del mio cognome.
BALAJ
In SANSCRITO, la parola Bala significa ragazzina, la parola Balaji è un nome di Vishnu.
Il Sanscrito costituisce il sostrato di molte altre lingue, condivide un'origine comune con centinaia di altre lingue, tra le quali il ROMENO, Greco, Latino, Tedesco, Hindi, Urdu, Bengali, Marathi, Kashmir, Panjabi, Nepalese. La linguistica ha riconosciuto che più di 170 lingue derivano dal Sanscrito o che comunque ne sono fortemente influenzate.
OM è il suono più sacro della lingua Sanscrita, in romeno OM significa UOMO, essere umano.
Sanscrito significa "Mettere insieme" ed è la lingua dei Veda e della letteratura Vedica. Il Sanscrito è scritto in Devanagari, che significa “scrittura della città (nagari) degli Dei (Deva)”. I Veda e la letteratura Vedica spiegano l'intera creazione; questi scritti non sono considerati opera dell'uomo, ma ricevuti migliaia di anni fa dai Rishi (veggenti) dell'Himalaya. Attraverso profonde meditazioni essi realizzarono le Leggi della Natura con le quali l'intero universo si era manifestato e si è preservato fino a oggi. Il Sanscrito è considerato la lingua dal suono perfetto, che ha una corrispondenza con ogni forma di manifestazione. OM è il suono perfetto, che comprende tutti i suoni del mondo manifesto.
Torno alla parola Balaji che è un nome di Vishnu. Ecco come spiegano su Wikipedia chi è Vishnu:
Vishnu è un DEVA ovvero un’ entità divina o celeste, "onnipervadente", una delle tre grandi divinità dell'induismo insieme a Shiva e Brahma. Divinità degli spazi, nei Veda è fratello di Indra. Nei Purana Vishnu assume maggiore importanza: fedele al suo ruolo di conservatore, si dice intervenga nel mondo quando l'ordine universale è minacciato per ristabilire il dharma (l'ordine delle cose) e salvare i propri devoti manifestandosi nelle sue incarnazioni o "discese" (avatara) che secondo la tradizione possono essere quattro, sei, dieci, ventidue o teoricamente infinite. Le raffigurazioni abituali rappresentano Vishnu che siede nella "postura del loto"; indossa una corona regale che lo individua Signore dei mondi, decorata con fiori di loto simbolo della purezza e della divinità solare; con le quattro braccia regge i suoi attributi:
1.il disco o ruota (chakra) nel duplice significato di "ruota" solare o del carro celeste che trasporta la divinità solare e di "disco" inteso come arma da lancio e quindi con il significato di potere e protezione, esso ha il nome di Sudarśana (Bello da vedere);
2. la mazza (gadā) che ha il nome di Kaumodakī, l'arma con cui Viṣṇu uccise il demone Gada, essa simboleggia anche il potere del tempo che tutto distrugge;
3. la conchiglia (śaṅka, la Charonia tritonis) è anch'essa un'arma in quanto soffiandoci dentro procura un suono che atterisce i demoni e li fa fuggire, il nome della śaṅka di Viṣṇu è Pāñcajanya dal demone a cui la strappò Pāñcajana (Cinque elementi);
4. il fiore di loto (padma) simbolo della divinità solare.
Vishnu è considerata una divinità onnicomprensiva, avente diversi aspetti. È conosciuta, sia come l'Anima Suprema, sia come sheshin o Totalità, nella quale sono contenute tutte le anime. Rappresenta anche Bhagavat dove il termine bhâga significa Gloria Divina. Vishnu possiede sei qualità divine:
1.jñäna (onniscienza)
2.aishvarya (autorevolezza)
3. shakti (potenza)
4. bala (energia)
5. vërya (immutabilità)
6. tèjas (lucentezza)
Continuerà nel mio prossimo libro…
© Gαbriєℓα Bαℓαj


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Articoli interessanti